Ma perché il tiramisù deve essere maltrattato?

tiramisu

Spiaggia, mentre sfoglio un conosciuto giornale di cucina leggo “tiramisù alla frutta”. Mi volete spiegare perché mai un dolce così buono e con un nome così centrato in base agli ingredienti che lo compongono debba essere maltrattato?

Versioni alla frutta?
Provate il famosissimo all’ananas o il gettonatissimo alla fragole e poi mi direte che razza di poltiglia vi ritrovate quando il succo della frutta annacquerà la crema al mascarpone, poltiglia battibile solo dalla versione frutta-inzuppo del savoiardo nel moscato/spumante oppure la profumata versione ai lamponi con quella bella nota acidula che ammazza ogni cremosità.

E vogliamo parlare delle versioni light?
Certo allo yogurt o alla ricotta, a cui magari però si aggiunge della panna per renderlo più cremoso, e se invece del savoiardo si usassero dei digestive, altra lungimirante versione salvalinea che ti impasta la bocca a vita.

È poi ci sono le versioni fantasiose…perché non si rinuncia al rassicurante nome di tiramisù annunciatore di golosità ed appagamento, ma poi nel piatto ti ritrovi il mondo: foresta nera (crema al cioccolato e amarene), after eight (bagna al latte e sciroppo di menta e crema al cioccolato), cassata (ricotta e canditi), alla crema di nocciole famosa,…

E non nomino per decenza le versioni salate…

Azzo… Il tiramisù, lo dice il nome stesso, deve essere un dolce corroborante,  infatti ha 4 ingredienti fondamentali che devono dare soddisfazione al palato ed energia: il savoiardo, il mascarpone, il caffè e il cacao! PUNTO!!!! è naturalmente il savoiardo e non altre tipologie di biscotti!

Adesso direte “e ma per esempio la Sacher viene proposta in tante versioni, anche tu Black nei fai più di una!” Vero, ma c’è una sostanziale differenza, almeno per me: io ne vario la sola  profumazione della mousse di cioccolato e cambio la confettura, ma sempre mousse e confetture sono! Non scalfisco minimamente la peculiarità fondamentale che caratterizza questo dolce, ovvero la cioccolosità.

Anch’io ho variato il tiramisù, ma solo perché non amo il cacao in polvere, di conseguenza la parte di cacao l’ho inserita sotto forma di cremoso al cioccolato, ma il resto è tutto invariato…..allegherò qui sotto la ricetta in questione!

Di conseguenza, al di fuori della ingredientistica giusta per il tiramisù, tutti gli altri dolci chiamateli un po’ come volete ma non tiramisù!!!!!

A voi: torturiamoci con le versioni più assurde provate!

10 thoughts on “Ma perché il tiramisù deve essere maltrattato?

  1. Bello questo sfogo, ci voleva proprio! Anche io sono una fondamentalista della versione tradizionale, o meglio del TIramisu’ cosi’ come e’! trovo comunque che qualche abbinamento differente posso essere interesante, ma va bene, coniamo dei nomi nuovi e non contaminiamo l’originale!

  2. Perfettamente d’accordo con questo articolo: i tiramisù alla frutta hanno un gusto discutibile appena fatti, dopo due ore sono immangiabili. Assurde le versioni light, come tutte le versioni light di tutti i dolci. Invece di vedere modificata una ricetta ben fatta di una torta preferisco mangiarne una fetta in meno. Complimenti per l’ottima iniziativa del blog

  3. La versione pseudo light con i pavesini al posto dei savoiardi????A km di distanza dal tiramisù!….se si e’ a dieta…yogurt magro….ma il tiramisù e’ e deve rimanere…. il tiramisù originale!!!!Grande!!!!…condivido ogni singola parola!!!

  4. Bravo ancora. Questi sono come quelli che mangiano il gelato alla soia, il risotto alla milanese senza il burro, eccetera. Se non si possono o vogliono mangiare non si mangino! Senza inventarsi osceni surrogati.

  5. Anche Reed Gourmetporta la sua testimonianza. Un giono il grande Iginio Massari mi ha detto, riferendosi al suo negozio: ‘Qui fuori c’è scritto pasticceria mica farmacia”!

    • sarebbe, invece, interessante una pasticceria farmacia! niente gonfiori, niente mal di pancia, cefalee, stanchezza o svogliatezza, stipsi o dissenterie, dolori articolari, irritabilità, ipo o ipertiroidismo, sarebbe bello ….. 🙂

  6. ma il problema è non cambiare il nome o essere rigidi nella scelta degli ingredienti….?perchè se qualunque dolce assemblato con biscotti, mascarpone,uova e caffè viene chiamato tiramisu allora sdoganiamo anche la “carbonara di pesce o verdure” -“la trippa light” o il “ragù veloce”…ma quando mai 🙂 sostanzialmente divertitevi a creare dolci, strutturati o destrutturati…lavorate di fantasia,giocate e godete insieme ai vostri commensali delle vostre creazioni….ma chiamiamo le cose con il loro nome..
    .

  7. Nel mio paese ci sono versioni di dolci al cucchiaio fatti con il savoiardo e si chiamano ‘pavé’ .. ma il tiramisu e’ sempre e solo tiramisu ..noi sudamericani siamo più tradizionalisti degli italiani?? 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...