Tutto quello che non avete mai osato chiedere a Maurizio Santin…VIA LIBERA!!! Lunedì 20 gennaio: sono tutto per voi!

20 gennaio 2014 ore 12 SIGEP MADE IN BLACK incontro “on line” dallo stand di Italian Gourmet

Trarremo spunto dalla mia rubrica MADE IN BLACK su Il Pasticcere ed in particolare da 3 miei dolci pubblicati

Sacher calabrese
Cioccolato, lamponi e cardamomo
Operà ai 3 cioccolati

…ma vorrei davvero fosse solo uno spunto…

Se un incontro deve essere, ad interfracciarci dobbiamo essere almeno in due, tre, quattro, cinque,… tutti noi/voi, ma davvero tutti!

Alcuni saranno presenti a Rimini (potrete prenotarvi sul sito Italian Gourmet) ma vorrei che in qualche modo ci fossimo TUTTI… questo bislacco gruppo di appassionati di pasticcceria che siamo noi che su questo blog scriviamo – io (si perchè oltre il mio lavoro, la pasticceria è la mia passione), la redazione e Voi – come?

Da questo momento a lunedì 20 potrete farmi qualsiasi domanda che vi venga in mente o che avreste voluto farmi: di pasticceria – trucchi, consigli, idee – ma non solo: su di me, personali, professionali,…

Prometto: PER VOI NON AVRO’ SEGRETI… basta che non mi chiediate la ricetta delle meringhette!!!

Potete fare le vostre domande qui sul blog (se sarete al Sigep indicatelo così avremo piacere di conversare vis à vis) e alle stesse risponderò “in diretta” dal SIGEP lunedì 20 e tutte le risposte verranno pubblicate all’istante.

Sarà un modo per esserci tutti, insieme e per dare concretezza all’idea che io ho di questo “spazio” che sia davvero di interazione e confronto.

Forza SENZA FILTRI!

23 thoughts on “Tutto quello che non avete mai osato chiedere a Maurizio Santin…VIA LIBERA!!! Lunedì 20 gennaio: sono tutto per voi!

  1. Buongiorno Maestro! sono una sua grandissima fan: seguendo le sue trasmissioni in TV, i suoi ex-blog e acquistando i suoi libri mi è cambiata la vita in pasticceria 🙂
    Parteciperò con entusiasmo e vero piacere al suo evento SIGEP di persona, sarò lì dal 18 al 20
    A presto
    Fabiola

  2. Adesso mi urla contro 🙂
    Io la seguo sempre e so che le ricette non bisogna chiedergliele, ma la mia non è proprio una richiesta di ricetta ma una spiegazione autorevole (ma se alla spiegazione segue la ricetta meglio): vado matta per i macaron che le ho visto pubblicare più volte, belli, eleganti, lucidi, perfetti insomma; tutti i miei tentativi sono invece miseramente falliti e il risultato è sempre stato un biscottone meringato piatto piatto e largo (l’impasto disposto a piccole dosi si espande a macchia d’olio sulla teglia), buono al gusto (secondo me me lo dicono per non mortificarmi) ma nulla a che vedere con i macaron. Secondo lei cosa combino?

  3. Al SIGEP ci sarò quasi sicuramente (con mia figlia che ho contagiato nella mia passione per la pasticceria ed in particolare per te) ma non mi farò riconoscere, ovviamente e capirai perché!
    Siamo quasi coetanei (io poco più grande di te) e prima indiscussi i cantanti rock, poi gli attori belli e maledetti, ho avuto anche una parentesi sportiva qualche calciatore e LO sciatore (mia figlia ha avuto anche la breve parentesi rugby), e ora e NON SONO CERTO LA SOLA se penso a qualcuno di attraente penso al mondo della cucina (con personalissimi gusti) brillantezza, forza, creatività e fascino…Come ci si sente ad essere “i nuovi sex-symbol”?

  4. Buongiorno Chef, la seguo sempre su Sky e volevo chiederle se esiste una differenza tra la crema pasticcerà normale e quella che subisce una seconda cottura in forno, per esempio all’interno di una crostata. La ricetta è sempre la stessa??
    grazie mille

  5. Salve Maestro, bella iniziativa!! Avrei una domanda a proposito della glassa della classica torta sacher: in tante ricette c’è il glucosio ma se non lo trovo posso sotituirlo? inoltre cosa la rende così lucida??

  6. Sei uno schietto. Uno diretto. Non mi pare ti si possa imbrigliare facilmente.
    Colgo al volo questa occasione ….Una splendida occasione…un gran segno dei tempi che cambiano. Ma il discorso sarebbe lungo.
    Una prima domanda.
    Ti chiedo: Cosa ha la pasticceria francese che noi non abbiamo?

  7. Maestro, a casa mia ormai sei citato come la bibbia per ciò che riguarda la pasticceria!
    Ma voglio approfittare di questa occasione per essere indiscretamente curiosa:
    ci racconti un po’ della tua storia con la tua splendida compagna di vita?

  8. Perché hai scelto la pasticceria? Cosa ti suscita, quale attrattiva speciale ha per te?
    Sappiamo tutti che sei figlio di un grandissimo chef, ma evidentemente la pasticceria, rispetto alla cucina che sarebbe stata una scelta più facile, ti ha stregato e continua a farlo…e credo che la tua risposta possa suscitare emozione in tanti di noi che la amiamo come la ami tu, che sei un esempio per noi. Grazie davvero, per tutto

  9. ciao Magic, approfitto anche io per una domanda che nasce da una riflessione personale…..
    Adoro e ammiro la perfezione, le linee pulite e precise di certi dolci, tuoi e di tuoi colleghi: ammiro la maestria necessaria per ottenere quei risultati ma, forse è un problema solo mio, quella perfezione a volte mi mette soggezione. Tu pensi che la perfezione non dovrebbe essere motivo per scoraggiarsi o essere intimoriti? con quale atteggiamento mentale consigli di avvicinarci, parlo di noi NON professionisti, al tentativo di ripetere quelle meraviglie?

  10. Hai usato in alcune occasioni la Sacher come spunto per creare tuoi dolci. La Sacher calabrese, la Valcher.
    Mi dici perche’?
    Ti piace la vera Sacher?
    A tuo parere nella glassa della ricetta originale c’e’ cacao oppure cioccolato?
    E come credi sia fatta?

  11. Hai fatto della “pasticceria democratica” lo slogan del tuo blog e della tua professione, condividendo con chi ti segue la tua passione, grazie a corsi, libri, il blog e Facebook.
    Credi fortemente a questa apertura nei confronti del pubblico di noi amatori?pensi sia la direzione giusta per la Pasticceria?cosa aggiunge tutto questo alla tua professione?

  12. Sono interista, anti-mazzariano oltre ogni limite, orfano di Mourinho, il 28.gennaio compio gli anni. Tu che dolce mi prepareresti? (niente frutta, please)

  13. Salve chef, a volte mi capita di non avere zucchero semolato in casa e di utilizzare quello a velo, vorrei chiederle se devo utilizzare le stesse dosi o cambiare le proporzioni.. grazie in anticipo.
    Elena (sua grandissima fan) 🙂

  14. Sto cercando di “inventare” un nuovo dessert…ho avuto un’idea e vorrei concretizzarla: mi dà qualche consiglio? Da dove parto? Come faccio a sapere che le dosi e gli abbinamenti sono validi? mi affido solo al gusto? Grazie Grande Capo Black!

  15. Come vivi la condivisione della tua vita con la community, quale è la motivazione che ti spinge a farlo?
    la community comunque ne è contenta e ti ringrazia amche per la tua disponibilità, dimostrata tante volte!

  16. Buongiorno. Non sono lì fisicamente al Sigep (avrei voluto) ma ho una mia emissaria, una Sua fan sfegatata che Le porrà sicuramente tutte le domande che avrei fatto io. Mi sono avvicinata da poco ala Sua pasticceria grazie a questa amica che La sponsorizza decisamente: mi ha regalato un Suo libro e mi parla sempre delle Sue ricette. Tant’è che ho in freezer il parfait al torrone, fatto per la seconda volta in un mese, pronto da offrire stasera ai miei ospiti. Lei suggerisce come accompagnamento una salsa inglese alla nocciola, ma volendo io una salsa più leggera, la mia amica come alternativa mi ha suggerito una salsa al cioccolato gianduia. Devo dire che trovo l’accoppiata vincente. Che ne dice? Buon lavoro Daniela

  17. Salve Maestro,
    una domanda:
    ma se lei fosse stato Lando Carlissian avrebbe ceduto al ricatto di Darth Fener consegnandogli Ian Solo e la Principessa Leila, oppure avrebbe combattuto le forze imperiali?
    francamente la sua posizione era “dannatamente” difficile….

  18. Salve,
    Ci riproverò qui!!! Ha detto di non chiederle la ricetta delle meringhette, ma la ricetta di una mousse per utilizzare un po’ di meringa italiana rimasta dalla preparazione di una sacher? Si può chiedere?

  19. Caro Chef, sono una patita delle sue ricette di base, nella preparazione della torta sabbiosa e della tenerella succede sempre che si formi una crosticina in superficie una volta cotta la torta poi durante il raffreddamento tende ad affolsciarsi e la crosticina resta rigida e friabile, come biscottata, e si rompe in mille pezzi o se non si rompe in mille pezzi lascia un vuoto tra se’ e la torta sotto. Ho provato sia a staccarla dalla tortiera da calda sia a miscelare meglio gli albumi ma … Sbaglio io qualcosa o è piuttosto normale?

  20. Carissimo chef, la prima legge di Black è: “lasciamo la vanillina sugli scaffali, usiamo solo la vaniglia”. Legge imparata ed interiorizzata, anche a rischio di saltare a pié pari l’uso della vaniglia nel caso in cui non ne abbia in casa o non la trovi al super. Ma – e spero di non fare una domanda che ti farà “in-blackire” ancora di più dalla rabbia – cosa ne pensi dell’estratto di vaniglia (quello vero, con i semini), tanto usato nella pasticceria anglosassone? Grazie ancora per tutto quello che fai e condividi. Dolcemente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...